L’ESECRABILE UCCISIONE DI GIACOMO MATTEOTTI

Image result for giacomo matteotti picture
Picture from The Guardian

BY
I’M ITALIAN

NON SI TRATTA DI FARE DEL REVISIONISMO, PIUTTOSTO DI ANDARE OLTRE L’AGIOGRAFIA, TENTANDO DI SUPERARE IL MITO A FAVORE DI UNA MAGGIORE CONOSCENZA DELLA NOSTRA STORIA.
LA BIOGRAFIA FIRMATA DA GIANPAOLO ROMANATO NE SVELA L’INTERO PERCORSO UMANO E POLITICO A MOLTI SCONOSCIUTO.
 CHI ERA VERAMENTE GIACOMO MATTEOTTI?

Leggi:

  I’M ITALIAN MAGAZINE

Il quaderno della fenice

by F. GuzzardiUn libro inusuale , poche pagine ( meno di 100) che introduce nel carismatico mondo dello spirituale antireligioso.
Il primo libro di F. Guzzardi che data di tre anni fa, che oltre ad alcune poesie e aforismi,ci offre una breve novella ambientata nella Polonia alla vigilia della seconda guerra mondiale.
Immersi in un contesto completamente estraneo agli avvenimenti, il viaggio spirituale di Ingrind e Hanna, prima che la tragedia non ne devasti l’esistenza.
Il libro e` scritto in Italiano (sorry) quasi completamente ignorato dai libri mercati italiani. Rappresentando il mondo interiore , di una donna che vive cosciente delle sue vite passate con tutti i suoi drammi.

Il libro si chiama “Il quaderno della fenice” di seguito alcuni estratti

Ingrind: Corrono voci di fermenti nazionalisti in germania.
Jozef :cosa possiamo temere? abbiamo visto quel che c’era da vedere.
Hanna: La quiete! Ecco cosa possiamo temere, la quiete riparatrice e premonitrice. Vorrei immergermi in questa quiete, dargli il senso che merita,perturbarla con la mia insistenza.

Mi fa paura la quiete, quando si abbassa la guardia arrivano i colpi di mortaio , mi fa paura la coscienza vile di questo continente imbandito di teste coronate, assuefatte ai dettami del fanatismo pseudo-rivoluzionario, farebbero di tutto pur di non perdere la loro bella corona .

Jozef : Esistono movimenti popolari avanguardisti e poi l’anima culturale della vecchia europa!

Hanna: L’anima culturale dell’europa é una puttana! Viaggia sull’asse Berlino-Leningrado, contempla il nostro sedere da Stalingrado a Vienna e si compiace della propria inerzia.