Sinistra Italiana

By F.Guzzardi 

Quando tutto intorno a te si appiattisce, quando vedi che non c’e’ niente da fare, che non sarai mai il leader del tuo partito e che l’attuale leader del tuo partito non da segni di stanchezza, che la maggioranza tiene, che l’opposizione fa’ sorridere anche I polli arrosto.Quando ti invitano alla tv per rispondere alle domande di Valeria Marini e non sei abbastanza preparato,  quando scegli di non essere un franco tiratore e Berlusconi non paga neanche piu’ I parlamentari per cambiare casacca  ( ormai lo fa solo Sprint con i telefoni  negli Usa, ma tu non lo sai ) , quando senti che il mondo intero ti sta crollando addosso e che anche I tuoi figli ti considerano uno sfigato, non ti resta che una unica e doverosa scelta: Fondare un nuovo partito, e in un impeto di esagerata crativita’, chiamarlo Sinistra Italiana!  Dovevi farlo,  si, dovevi dare una speranza a questa gente che disperata aspettava un segno,  una speranza . Grazie Fassina, a nome degli Italiani che sognavano una siniistra pura e dura, di quelle che “tutti in piazza” di quelle che ” bandiera rossa trionfera’” , grazie per averci regalato questa perla alternativa a cui hanno aderito molti della lista di Sel, alcuni ex m5s, ed altri “compagni “.  Quelli che capiscono di politica, dicono che servira ‘ a far confluire a sinistra I voti residui del PD  o quelli mancati per antirenzianismo. Ed e’ questo che fa rabbia in fondo,  anzi fa proprio incazzare,  questo parlare della gente considerandoli “voti di confluenza ” .
Eppure si vede lontano un miglio,  che I problemi del paese non sono I vecchi partiti ma I vecchi sistemi che sono anche I nuovj,  I vecchi personaggi imitati dai nuovi. Il problema,  Fassina, e’ chiaro e limpido: l’Italia sopravvivera’ anche a voi, anzi vi assimilera’, vi uniformera’ al suo pensiero, vi schedera’ come soggetto ininfluente nell’ambito della propria esistenza, e trasformera’ come ha sempre fatto nella propria storia , queste inutili sofferenze in arte.

Le 18 cose perdute per sempre ( che poi sono 19)

Thanks to Daniel Fazio
 

By F. Guzzardi

 
  • La riga dell’orizzonte nei pomeriggi a New Delhi, quando il sole sembra voler cavalcare la terra prima di spegnersi nel silenzio di una preghiera  
  •   Le mani sui tuoi capelli intrecciati fra le mie dita e le conseguenze di tutti gli amori
  • Il desiderio di meravigliarsi, anche con un sorriso o senza parlare di niente 
  • Le parole degli amici piu` cari che non abbiamo saputo ricordare 
  • Gli ideali di qualunque colore 
  • Qualcuno che se ne e` andato senza chiedere il permesso
  • Incontrarsi/Perdersi
  • Il mondiale del 94
  • Il gelato di ricotta da ” Giacco”  a Siracusa
  • Il Comunismo/e per fortuna
  • Indignarsi per una guerra 
  • La voglia di guardare la tv
  • Cuba/ I sogni
  • I culi e le tette delle donne nella tv italiana
  • Berlusconi
  • La macchina in un parcheggio del Walmart
  • La fede 
  • La fila per vedere la sacra sindone
  • La speranza ( chiaramente sempre l’ultima )

 

 

Thanks to Daniel Fazio